La Mongolfiera Editrice e Spettacoli
La Mongolfiera Spettacoli
  Home | Storia  | Dove siamo  | Prodotti  | Eventi  | Contatti  | Visualizza Carrello | Ricerca Prodotto | Privacy Policy
 Scheda Autore

Giuseppe Manfridi
Giuseppe Manfridi, romano, è drammaturgo e sceneggiatore. Da oltre ventanni il SUO teatro è costantemente rappresentato in Italia e all'estero. Fra le sue commedie di maggior successo: “Giacomo, il prepotente”, “Ti amo. Maria”, “Elettra”, “La cena”, “La partitella”, e “Teppisti”; questi ultimi due sono testi di grande impatto emotivo che, seppure in maniera diversa, affrontano il mondo del calcio e dei tifosi. A questo tema Manfridi ha pure dedicato la sceneggiatura di “Ultrà”, che, con la regia di RidcyTognazzi, ha vinto l'Orso d'oro al festival di Berlino nel 1990. Numerosi i testi di Manfridi che sono andati in scena in Francia, a New York, in Finlandia, in Grecia, in Canada e in Sudamerica. “Giacomo, il prepotente”, nel novembre del '98, ha debuttato al Theatre des Champs-Elisées” di Parigi, mentre “Zozòs”, nel 2000, è stato allestito al “Gate Theatre” di Londra con la regia di Peter Hall, e ripreso al Barbican nel 2003. In un consenso unanime della stampa, il critico del Sunday Times ha definito la commedia "la più divertente che abbia mai visto". Gran parte del suo teatro è pubblicata data casa editrice Ricordi, dalla Marsilio e da Gremese (di cui Manfridi dirige la collana Teatro). La Entertaiment & Art ha iniziato una pubblicazione delle sue opere complete, di cui è uscito nel 2005 il primo volume. Suoi testi sono stati pubblicati anche in Francia, in Inghilterra, in Croazia, in Grecia, in Spagna e In Bulgaria. Nel 2006 l'editore Gremese ha mandato alle stampe il romanzo "Cronache dal paesaggio", debutto di Manfridi nella narrativa. Successivamente viene pubblicato il secondo romanzo "La cuspide di ghiaccio", e "ll quadernetto sulla gaffe". Intensa l'attività propedeutica, con corsi tenuti presso Università (in Italia e all'estero) e Teatri stabili. Numerose sono le tesi di laurea dedicate alla sua produzione drammaturgica.

Altri libri dell'autore:
MARLENE
LA MATASSA E LA ROSA
WAKEFIELD, L’UOMO CHE VOLO' OLTRE SE STESSO
LAZIO-ROMA 3-3
Atto Primo
PISA-ROMA 1-2
Atto Secondo
ROMA-LIVERPOOL 1-1
Atto Terzo
ROMA-JUVENTUS 3-2
Atto Quarto
REAL MADRID - ROMA 1-2
Atto Quinto
TI AMO, MARIA!
TEATRO DELL'ECCESSO
Capitolo secondo
"LA SUPPLENTE" E "IL FAZZOLETTO DI DOSTOEVSKIJ"
Due spettacoli in forma di monologo
TRAFITTO DA LANCE | LA RIBELLE
DIDONE / ARSA
CONVERSAZIONE SUL LUOGO DELL'INCIDENTE
(Trasfigurazione cruenta di Jackson Pollock)
LA CASTELLANA (un noir)
e altri testi per attrice solista
IL LETTO
LA SCALA
IL GESTO DI PEDRO
(Roma-Sampdoria 1-0 del 14 dicembre 1975)
Atto Sesto
LA DOMANDA DELLA REGINA
LA FAMIGLIA REMBRANDT SCONFITTA DAI TULIPANI
ZOZÒS
LA PARTITELLA
IL DISCORSO DEL CAPITANO
NASCITA E RESURREZIONE DI CITTANOVA
LA PIANISTA PERFETTA



 Scheda Libro

FILASTROCCHE DELLA NERA LUCE
(cronache dalla Shoah)

Autore: Giuseppe Manfridi
Categoria
: Teatro/Memoria

II volume che avete tra le mani è composto da un intarsio di ragioni. E di complicità. E di firme. (...) Questa importante presenza di testi attorno a un testo non vuole essere una sorta di sostegno celebrativo delle composizioni che danno iI titolo al tutto, ma significa, piuttosto, la presenza di altre voci a cui, con motivazioni diverse, è stato chiesto di condividere un argomento che è talmente dentro il senso della Storia da essersi fatto ormai elemento imprescindibile della condizione umana, e determinante per intendere l'aggrovigliata mescolanza del bene col male di cui si sostanzia Ia nostra specie: la Shoah. Perciò ringrazio Claudio Giovanardi, Suzana Glavaš ed Evelina Meghnagi che hanno voluto farmi il dono di corrispondere alla richiesta, come per una chiamata a raccolta identitaria di cui si avverte una profonda necessità nel corso di tempi globalmente oscuri per un consesso civile esposto a rinnovate barbarie. (...) Oltre la soglia delle parole (...), a dare compiutezza al libro è, poi, la sua seconda parte, ovvero l'album delle tavole create da Manuel de Teffè. Queste immagini mi piace chiamarle Sipari, e in sipari reali vorrei vederle tradotte (...). Sipari, in quanto negazione della luce, e, al contempo, affermazione per contrasto di quella luce che una cortina di smemoratezza vorrebbe obliterare. Sipari, in quanto chiusi sul mistero di una scena che è dimora di drammi cosi intensi da imprimere il loro urlo policromatico e incensurabile sulla stessa materia destinata a celarli.

Dalla nota introduttiva dell'Autore

Quantità
 



Review Order and/or Check Out
Prezzo: 20,00
ISBN 978-88-99514-94-5
 
Powered by Web Twins