La Mongolfiera Editrice e Spettacoli
La Mongolfiera Spettacoli
  Home | Storia  | Dove siamo  | Prodotti  | Eventi  | Contatti  | Visualizza Carrello | Ricerca Prodotto | Privacy Policy
 Scheda Autore

Carlo Rango
Già dirigente scolastico, è professore a contratto di Docimologia presso l’UNICAL. Si occupa di educazione ambientale e di processi formativi e non trascura la letteratura giovanile e la storia locale. Con alcuni amici ha fondato l’associazione culturale Irfea. Suoi scritti sono presenti in vari collettanei e periodici. Vive a Cassano allo Ionio.

Altri libri dell'autore:
Per Lelia
SULLA VALUTAZIONE SCOLASTICA
Riflessioni
SUL GOLGOTHA



 Scheda Libro

Dante Maffia la forza della parola

Autore: Carlo Rango
Categoria
: I quaderni dell'irfea

"Un omaggio a Dante Maffia, questo vogliono essere le pagine che seguono. Un omaggio doveroso non tanto perché coglie l'occasione del conferimento della cittadinanza onoraria da parte del comune di Cassano all'lonio ma soprattutto perché Maffia è unanimemente riconosciuto come una delle più autorevoli voci della cultura internazionale. È doveroso, questo omaggio, anche perché lui affonda le radici delle sue origini non solo nel paese che gli ha dato i natali e ha nutrito la sua prima formazione, Roseto Capo Spulico, ma anche in Cassano all'lonio, paese natale del padre Salvatore, paese pienamente vissuto dallo stesso Dante" (dall'introduzione).
Per questo omaggio ci è parso opportuno impreziosire la copertina con il mare Jonio, il mare del mito e dei sogni, il mare di Sibari e di Pitagora.
La fotografia, di Maurizio Guarino, dalla foce del Crati, fiume, anch'esso, un mito ancora vivo, apre lo sguardo all'orizzonte per cui viene spontaneo pensare ai versi che Maffia scrive per le figlie: "Come discese da un fiume / che cadenza il suo corso e verdeggiando / abbraccia il mare aperto, dove ci sono / navi pronte a salpare. / L'orizzonte una facondia di sussurri". Sussurri come potrebbe essere la Grecia d'oriente, madre di quella Sibari che come un lampo illuminò la cultura del nostro territorio tanto che, scrive Dante Maffia, "ancora i sibariti lamentano / sulla riva dello Jonio la caduta / del mistero e l'esaltazione dell'arbitrio. / Crotone non esiste per la poesia". (Da Di Rosa e di rose).
Se il mare ricorre spesso nelle pagine scritte da Maffia ("sono uomo di mare e di passione", scrive), lo Jonio in particolare, ha attraversato la sua vita e continua a farlo: "I francesi ti sanno donna / e io lo so perché: / per i tuoi seni immensi, / per la tua tenerezza quando sogni. / Mi piace che m'aspetti e che festeggi / i miei ritorni: / già alla Grilla m'investe l'euforia / delle tue onde. / Ed è bello che non m'assegni colpe / per le mie fughe e i miei dinieghi. / Vorrei sradicare le radici: ne sorridi, / mi accogli allegramente e fai le fusa. / E appena sono in te sento / che t'apri a un'armonia immacolata. / Mi dici: riposati, ti cullo, / dimentica gli affanni, / ci son io / a preservarti dall'invidia. / lo sono la tua sposa / e il tuo futuro. / Devo crederti o uccidere Calipso / che ancora implora ad alta voce Ulisse? / Sei la mia culla. / Sarai la mia bara eternamente?"

(Lo Jonio sposa, inedito)



Quantità
 



Review Order and/or Check Out
Prezzo: 2,00
ISBN 978-88-96254-62-2
 
Powered by Web Twins